Il Poker online ai tempi di Paradise

Con l’inchiesta operata dal Dipartimento di Giustizia statunitense, dopo il black friday, il mercato mondiale del poker online, ha subito una stangata che, se non ha arrestato la sua ascesa, quanto meno l’ha frenata.

Paradise PokerCon l’inchiesta operata dal Dipartimento di Giustizia statunitense, dopo il black friday, il mercato mondiale del poker online, ha subito una stangata che, se non ha arrestato la sua ascesa, quanto meno l’ha frenata.

Basti pensare che, fino al 2011, i ricavi ottenuti nel nord dell’America sono stati utilizzati per sponsorizzare e sostenere il poker nelle altre zone del pianeta. C’è da dire, tuttavia, che la decisione di regolamentare, in Nevada, New Jersey e Delaware, il mercato pokeristico online, ha scosso alcuni gruppi in previsione di un futuro mercato legale negli USA.

888 Holdings e Bwin-Party sono intenzionate a riconquistare somme importanti, per proseguire un affare enorme, arrestatosi con l’approvazione e l’applicazione della legge UIGEA, nel 2006. Invero, prima di tutti, sono le multinazionali americane a non voler più ignorare questo clamoroso giro d’affari derivante dal poker online. Non a caso, MGM Resorts International e Boyd Gaming, al pari di Donald Trump, stanno facendo pressioni affinché si fondino i tre mercati statali presenti.

Pokerstars come si sta muovendo?

Del resto neppure PokerStars sta con le mani in mano, acquistando un casinò in New Jersey, per prendere parte al mercato statunitense. In altre parole, si tratta di un mercato dalle potenzialità di guadagno enormi, basta analizzare la sua storia. Nel quadriennio 2001- 2005, infatti, PartyGaming, che controllava PartyPoker, leader mondiale fino al 2006 tra le room, aveva registrato una crescita dei fatturati nel poker online del 163%. Secondo questi dati, quindi, PartyPoker gestiva il 41% dell’intero settore, con alle spalle PokerStars, al 13% e la ormai storica, Paradise Poker, al 7%.

Quest’ultimo, in particolare, costituiva il primo marchio forte nel 2000, ma dopo una serie di scelte strategiche sbagliate è stata raggiunta e superato dalla concorrenza. La poker room Paradise è stata venduta per 340 milioni di dollari, alla SportingBet, anch’essa ceduta poi a William Hill. Ad ogni modo, per Paradise Poker sembra essersi esauriti i tempi floridi, con l’UIGEA che sarebbe costata quasi 7 miliardi a tutto il settore del Poker online.

4,5 rating
Bonus di Benvenuto del 100% sul primo deposito fino a 500€
+ 8€ GRATIS in ticket tornei senza obbligo di deposito
4,3 rating
Bonus di benvenuto del 100% fino a 1000€
3,8 rating
Bonus di benvenuto fino a 500€
15€ in tickets per tornei SPIN
4,3 rating
Bonus di benvenuto fino a 600€ sul primo deposito
€9000 di freeroll ai nuovi giocatori
AssoDelPoker
AssoDelPoker è un sito indipendente di informazioni sul poker online, non affiliato a nessuna sala in particolare. Copyright © 2006/2021 – Tutti i diritti riservati. Vi invitiamo a prendere visione del nostro Disclaimer - Privacy Policy - Powered by Topwebsite.it