il Set-Mining nel Texas Hold’em [PARTE UNO]

Il Set-Mining nel texas holdemCos’è il Set-Mining nel texas holdem? Una domanda che tenteremo di chiarire nel corso dei nostri articoli, incentrati per l’appunto su questa particolare tecnica di gioco.

Il Set-Mining nel texas holdemCos’è il Set-Mining nel texas holdem? Una domanda che tenteremo di chiarire nel corso dei nostri articoli, incentrati per l’appunto su questa particolare tecnica di gioco.

Nel Texas Hold’em, vige la regola dell’aggressività, mentre il giocatore passivo viene relegato e considerato il fish di turno. Fino a qualche tempo fà, questo aspetto era assolutamente poco realistico, ma con l’avvento del poker online e delle nuove leve, lo stile di gioco si è pian piano evoluto. La passività è dunque abolita nel poker moderno? Giocare in maniera passiva è sempre da considerare una mossa sbagliata?

Cos’è il Set-Mining?

Attraverso questo termine, si indica una giocata particolare in cui, con una piccola coppia in mano, tentiamo un call con la speranza di legare un set al flop (da qui il termine set-mining). Nel caso in cui non dovessimo legare nulla, allora vale il famoso detto “set or fold“, dove ci limitiamo a passare serenamente la nostra mano e perdere il minimo indispensabile. Nel caso in cui invece il board dovesse presentare la carta ideale per il nostro set, allora la nostra strategia sarà ampiamente ripagata, in quanto avremo la possibilità di portare via tutto lo stack dell’avversario.

Per questo, possiamo considerare le nostre poket-pair dei veri e propri draw: senza un forte aiuto del board è consigliato lasciare il piatto, salvo rari casi in cui l’avversario dimostri timore ed insicurezza nel proseguire nella mano. Nel 80% dei casi, il board presenterà inevitabilmente carte superiori alle nostre (intendiamo piccole coppie che vanno da 2-2 fino a 9-9), per questo bisogna capire quali sono le nostre possibilità di legare un set lungo il corso delle varie street.

Al flop, le possibilità di chiudere il nostro set sono circa 8:1, considerando ancora 2 carte a disposizione nel mazzo. Ne consegue che, in quelle numerose volte che non riusciremo a chiudere il nostro punteggio, dovremo escogitare qualche strategia per riuscire a portare a casa il piatto o limitare i danni.

Considerare sempre gli stack in gioco

Quando prendiamo in considerazione il call per tentare di chiudere un set al flop, dobbiamo anche considerare gli stack in gioco. Se l’avversario che ha rilanciato non ha dietro uno stack consistente, allora è poco profittevole chiamare in quanto, nell’eventualità di un set, porteremo a casa poco o niente. Per fare un esempio, supponiamo di essere ad un tavolo Nl 100, in posizione di big blind, con 4-4. Da early position, un giocatore fa call, tutti gli altri passano e il giocatore da bottone si fa avanti con un bel raise di 4€. Fold dello small blind e parola a noi: cosa fare in questa situazione? Esattamente, dobbiamo relazionare la nostra action in corrispondenza allo stack dell’avversario. In questo caso, supponendo che il bottone abbia circa 25€ alle spalle, risulterà poco profittevole chiamare, in quanto nel lungo periodo avremo un valore atteso negativo.

4,5 rating
Bonus di Benvenuto del 100% sul primo deposito fino a 500€
+ 8€ GRATIS in ticket tornei senza obbligo di deposito
4,3 rating
Bonus di benvenuto del 100% fino a 1000€
3,8 rating
Bonus di benvenuto fino a 500€
15€ in tickets per tornei SPIN
4,3 rating
Bonus di benvenuto fino a 600€ sul primo deposito
€9000 di freeroll ai nuovi giocatori
AssoDelPoker
AssoDelPoker è un sito indipendente di informazioni sul poker online, non affiliato a nessuna sala in particolare. Copyright © 2006/2021 – Tutti i diritti riservati. Vi invitiamo a prendere visione del nostro Disclaimer - Privacy Policy - Powered by Topwebsite.it