Imparare a riconoscere un punto nuts

riconoscere il nutsA differenza del poker all’Italiana, dove non sappiamo mai il punto che può avere in mano l’avversario, nelle specialità con carte comuni scoperte esiste un punto massimo possibile, ovvero con quella combinazione di carte comuni si può ottenere, al massimo, un certo punto, che in gergo viene chiamato “nuts”, noccioline.

riconoscere il nutsA differenza del poker all’Italiana, dove non sappiamo mai il punto che può avere in mano l’avversario, nelle specialità con carte comuni scoperte esiste un punto massimo possibile, ovvero con quella combinazione di carte comuni si può ottenere, al massimo, un certo punto, che in gergo viene chiamato “nuts”, noccioline.

Chiaramente se con le nostre carte formiamo il massimo punto possibile, la nostra strategia sarà solo quella di far entrare più soldi possibili nel piatto, perché possiamo solo vincere..

Saper riconoscere la migliore mano possibile non è sempre così intuitivo e, a volte la differenza tra avere la migliore mano possibile, oppure la seconda migliore mano possibile è quella che ci porta a vincere o perdere un piatto molto grande.

Non riconoscere il nuts è sempre un errore molto grave, pertanto impariamo a leggere le carte comuni che sono sul tavolo (il board) e a capire le informazioni che può darci.

Di seguito troverete una piccola guida su come riconoscere il board e un po’ di terminologia di uso corrente nel nostro forum e nel gergo pokeristico internazionale.

Board connessi e disconnessi.

Chiameremo un board “connesso” (connected) quando tre delle cinque carte permettono una scala od un colore o entrambi.

Un board completamente disconnesso è quando ha al massimo due carte dello stesso seme e, tipicamente, tre gruppi di carte distanti tra loro più di due carte.

Esempio:

KsQd7c3c2h

Qc9c6h4hAs

In questo caso il nuts è rappresentato dal topset, cioè un tris formato dalla carta più alta del board e una coppia in mano. Es Kc Kd su primo board o Ac Ad sul secondo.

Board connesso a colore: è abbastanza facile da riconoscere e spesso molto evidente anche agli avversari;  si presenta quando 3 o più carte sono dello stesso seme, chiaramente il massimo punto è il colore all’asso (nutflush).

Esempio:

KsQd7c3s2h

Qc9s6s4sAs

Nel primo esempio il nuts è As4s o qualsiasi altra combinazione tra un As e una carta di picche mentre nel secondo il nuts è chiaramente la combinazione tra Ks e un’altra carta qualsiasi.

Board connesso a scala: Se riconoscere un board a colore è piuttosto evidente, spesso un board a scala non lo è altrettanto. Chiaramente la scala massima (nutstraight) rappresenta il punto più alto.
A seconda di come si incastrano le carte private (pocket cards) possiamo dividere l’aspetto dei board (textures) in tre gruppi:

  • No-gap: in cui ci sono tre carte in sequenza, quindi le nostre pocket cards saranno in sequenza (connectors) dovranno “agganciarsi” nella parte alta della scala, fanno eccezione solo i no-gap al K perché, più in alto è possibile inserire solo un A.

Esempio:

QsJdTh7h3d

Il nuts è formato da una qualsiasi combinazione di AK mentre K9 ci darebbe solo una 2nd best hand. mentre 98 è quella che in gergo viene chiamata “idiot end straight”;

KdQsJc4c2h

In questo ultimo board il nuts è rappresentato da una combinazione AT.

  • One-gap: in cui ci sono solo due carte in sequenza e la terza a distanza di una sola carta. Le carte private, di conseguenza saranno divise da una o due carte (one-gap connectors, two-gap connectors) e dovranno posizionarsi una nello spazio lasciato dalla carta “mancante” e l’altra nella parte alta della scala. 

Esempio:

QsJd9h7h3d

Il nuts è formato da una qualsiasi combinazione di KT mentre T8 ci darebbe solo una 2nd best hand.

9h7c6s4c3h

In quest’ultimo board il nuts è rappresentato da una combinazione T8.

  • Two-gap: board in cui la distanza tra le carte che compongono la scala è di due unità. La nostra mano dovrà essere di nuovo un connector. 

Esempio:

Qs9d8h7h3d

Il nuts è formato da una qualsiasi combinazione di JT mentre su un board:

As9h7c4c3h

Il nuts è rappresentato da una combinazione 56.

  • Double gap: ovvero le due carte si incastrano in due spazi lasciati dalle carte sul board. La pocket hand sarà sempre un one-gap connector. 

Esempio:

KsJd9h7h3d

Il nuts è formato da una qualsiasi combinazione di QT mentre su un board:

Ah8c6s3c2h

Il nuts è rappresentato da una combinazione 75.

A questo punto mi permetto di fare una piccola considerazione strategica, nel momento che affrontiamo una partita con una mano diversa da una coppia (pocket pair) la capacità di legare una scala nuts dipende dalla distanza delle due carte tra loro, ovvero:

  1. connector: (QJ, JT, T9 ecc.) quando legano ci danno sempre il nuts o la idiot-end ; sono quindi  relativamente facili da giocare perché avremo un punto imbattibile o molto debole.
  2. one-gap connector (QT, J9, T8…) ci da il nuts su un board double-gap o one-gap e la seconda mano migliore su un no-gap in genere, legano con molti board in cui non sempre abbiamo la mano migliore.
  3. Two-gap connector (Q9, J8,T7) abbiamo il nuts solo con board two-gap molto particolari, pertanto chiuderemo il punto piuttosto raramente.
  4. Three-gap connector (AT,K9,Q8) hanno ancora la possibilità di legare una scala su un board no-gap, ma ad esclusione di AT non avremo quasi mai la nutstraight.

A volte le carte a scala sul board sono 4 o addirittura tutte e 5, i casi, però sono sempre riconducibili a quelli sopra, a meno di avere una scala all’Asso con una sola carta mancante, in quel caso, avremo il nuts con quella sola carta.

Board connesso a scala-colore:  si ha quando le tre carte che possono formare una scala sono dello stesso seme,  scala-colore alta (nut straightflush) è sempre il nuts.

Se abbiamo una delle due carte necessarie a formare la scala possiamo dedurre che nessuno ha scala colore, e quindi il nuts sarà rappresentato da un punto più basso, tipicamente il nutflush.

Board accoppiati.

Chiameremo un board “accoppiato” (paired) quando sono presenti almeno due carte dello stesso valore. Anche qui l’aspetto del board rappresenta diversi punti possibili e quindi possiamo riconoscerli dividendoli in pochi gruppi:

Single paired: ovvero è presente una sola coppia sul board, in realtà qui dipende molto dalle carte che si hanno in mano, e quindi dal punto che otteniamo:

  • 4 of  kind: se abbiamo in mano una coppia uguale a quella su board abbiamo un poker, che è nuts a meno solo della scala-colore.

Esempio:

QsQd8h7h3d

Se abbiamo in mano QhQcsiamo sicuri di avere il nuts.

QsQd8h7h6h

Qui il nuts è rappresentato dalla  combinazione 9hTh.

  • Full house: dipende molto da come formiamo questa mano, ovvero se la formiamo con un set, non è mai nuts, perché il poker è sempre possibile

Esempio:

QsQd8h7h3d

Se abbiamo in mano 8d8c come abbiamo visto prima il nuts rimane la coppia di Q, se invece abbiamo Qc8d il nostro full diventa nuts perché non è più possibile il poker e abbiamo accoppiato la carta singola più alta del board. E’ chiaro che il trips non è mai nuts e che il nut full è l’unica mano imbattibile, ma che può arrivare ad un piatto diviso (split pot).

Da notare che se la carta alta è superiore alla coppia presente sul board, il full non rappresenta più il nuts, perché il full più alto è ottenibile solo con un set.

Esempio:

KdQsQd7h8h

Chiaramente il top full è ottenuto con KK, ma a questo punto non è più il punto più alto ottenibile in quanto è ancora possibile il poker di Q.

Double paired: cioè quando sul board ci sono due coppie. In questo caso il poker nuts è quello con la coppia più alta, sempre a meno di board molto particolari che rendo possibili progetti a scala-colore tipo:

AsAhQhJh

In questo caso il nuts è KhTh.

In realtà su questi board, sempre a meno della straightflush, per avere il nuts, bisogna fugare i dubbi di poker su entrambe le coppie, quindi, anche se inutilmente, ai fini del punto, su un board:

QsQd8h8s3h

il nuts è rappresentato oltre che da QhQc anche dalla  combinazione Q8. Ma solo se la 5° carta è più piccola della seconda coppia, altrimenti il full non rappresenta mai il miglior punto possibile.

Trip’ed: cioè con tre carte dello stesso valore. Anche su questi board sono talvolta possibili combinazioni di scala-colore come:

5s4s3s3d3h

Oppure c’è una coppia più alta del tris sul tavolo allora vale quanto detto per il Single paired, a meno che non si ha una carta per ognuno dei due valori presenti sul tavolo.

Più comunemente se il board non è così connesso, per avere il nuts basta la quarta carta dello stesso valore del tris.

Four of a kind: molto raramente.viene servito un poker direttamente sul tavolo, a quel punto vince chi ha la 5° carta (kicker) più alta, chiaramente l’A rappresenta quella più alta possibile.

Conclusioni

In questa piccola guida, credo di aver coperto tutti i casi che possiamo trovare in una partita di poker nella specialità Texas Hold’em.Nella pratica quotidiana, ci troveremo ad avere il nuts piuttosto raramente, e alcune di queste volte non saranno nemmeno così proficue, perché si tratta di punti  piuttosto evidenti.

E’ molto importante, però, prendere confidenza con questi schemi di lettura, perché ci daranno immediatamente la misura della forza della nostra mano, e correlando il board con il range di mani possibili dell’avversario misurare anche la possibilità o meno di vincere uno show down.

Negli esempi proposti, ho sempre messo le carte del board in ordine decrescente,  per facilitarne la lettura, non sempre, però questo accade sui tavoli da gioco; dovremmo imparare a leggere i board ordinando mentalmente le carte, questo ci permetterà di riconoscere più facilmente gli schemi.

Esempio:

7hQcJd2d8h sembra molto più sconnesso che non QcJd8h7c2d.

Bisogna prestare moltissima attenzione ai board accoppiati, perché nascondono facilmente punti fortissimi, e da questi potremmo ricavarne grandi profitti o grandi perdite.

By Wildshark

4,5 rating
Bonus di Benvenuto del 100% sul primo deposito fino a 500€
+ 8€ GRATIS in ticket tornei senza obbligo di deposito
4,3 rating
Bonus di benvenuto del 100% fino a 1000€
3,8 rating
Bonus di benvenuto fino a 500€
15€ in tickets per tornei SPIN
4,3 rating
Bonus di benvenuto fino a 600€ sul primo deposito
€9000 di freeroll ai nuovi giocatori
AssoDelPoker
AssoDelPoker è un sito indipendente di informazioni sul poker online, non affiliato a nessuna sala in particolare. Copyright © 2006/2021 – Tutti i diritti riservati. Vi invitiamo a prendere visione del nostro Disclaimer - Privacy Policy - Powered by Topwebsite.it