Omaha: connettersi al flop [PARTE UNO]

L’Omaha è un gioco di progetti, ed il flop rappresenta il momento più importante della partita. Vediamo dunque come connettersi in maniera efficace nelle prime 3 carte comuni

L’Omaha è un gioco di progetti, ed il flop rappresenta il momento più importante della partita. Vediamo dunque come connettersi in maniera efficace nelle prime 3 carte comuni.

Come sappiamo, nell’Omaha non esistono mani di partenza nettamente superiori ad altre, il che non ci offre dunque statistiche matematiche attendibili prima del flop. Possiamo però selezionare diverse mani che, dopo la distribuzione del flop, possano garantirci qualche extra per colpire nel segno. Vediamo allora come legarsi strettamente al flop.

Omaha: un gioco di progetti

Nonostante le 4 carte distribuite pre-flop, non è facile trovare carte ideali per giocarsi con profitto il flop. è chiaro però che, nonostante questo, non possiamo rendere il nostro gioco schematico e prevedibile, come un classico check-fold se non hittiamo un buon punteggio, ma bisogna comunque porsi numerose domande al fine di prendere la decisione più corretta. Così come nell’Holdem, anche nell’Omaha non bisogna trascurare la posizione, la composizione del board, l’avversario etc…, in modo da poter determinare se la nostra mano ha le potenzialità per dominare nelle street successive.

Per un buon flop, l’ideale sarebbe quello di legare una possibile scala bilatera e progetti wrap. Cos’è un wrap? Un wrap non è altro che un progetto di scala che ha però un potenziale ancora più elevato, visto che può contare su un numero di out ancora più grande. Per dirla tutta, se una bilatera può avere 8 out, un wrap può averne addirittura 20!

Esempio

Supponiamo di avere J-10-9-7, su un board che recita 8-9-3. Analizzando le possibilità offerte, notiamo come con tre Jack, tre 7, quattro Donne e quattro 6 possiamo chiudere una scala, per un totale di ben 14 outs. Vediamo anche un’altra situazione, con lo stesso board ma con una mano diversa: questa volta abbiamo A-6-7-5. Per l’esattezza, abbiamo 13 outs. Ma analizzando il tutto attentamente, quanti outs veri e propri abbiamo per chiudere un punteggio nuts?

Vediamo che solo i tre 5 ancora nel mazzo ci garantiscono un punteggio nuts, mentre tutti gli altri outs rimanenti ci offrono comunque una scala, ma ovviamente con il rischio di subire uno scoppio nel corso delle successive streets. Occorre quindi prestare molta attenzione a quei board che presentano due carte dello stesso seme, in quanto diminuiscono drasticamente le potenzialità di un wrap. Non è sicuramente piacevole chiudere una scala e scoprire di essere battuti da un colore, che ne dite?

4,5 rating
+ 500€ BONUS sul primo deposito
+ 8€ GRATIS in ticket tornei senza obbligo di deposito
4,3 rating
+ 30 TICKET FREEROLL da 1000€ senza deposito
+ 100€ BONUS deposito
+ 40€ in ticket tornei
3,8 rating
Bonus di benvenuto fino a 500€
15€ in tickets per tornei SPIN
4,0 rating
Bonus di benvenuto fino a 600€ sul primo deposito
€9000 di freeroll ai nuovi giocatori
AssoDelPoker
AssoDelPoker è un sito indipendente di informazioni sul poker online, non affiliato a nessuna sala in particolare. Copyright © 2006/2021 – Tutti i diritti riservati. Vi invitiamo a prendere visione del nostro Disclaimer - Privacy Policy - Powered by Topwebsite.it